Tangenti per sepolture nel cimitero e vilipendio di cadavere

Visite: 194

Misure cautelari nei confronti di dieci persone emesse dal gip del tribunale di Termini Imerese ed eseguite dai carabinieri: le accuse sono di associazione per delinquere, corruzione per esercizio della funzione, corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio, corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio, abuso d'ufficio, violazione di sepolcro, vilipendio di cadavere, occultamento di cadavere, distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, nonché violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale.

I militari hanno scoperto una banda diretta da un soggetto che lavora al cimitero comunale di Bagheria che controllava le tumulazioni e le estumulazioni per ottenere soldi in cambio dagli imprenditori delle pompe funebri.

Sono state registrate decine di delitti contro la pietà dei defunti, per liberare loculi nel del cimitero da destinare a salme "segnalate" dai corruttori.