Messa in sicurezza Torrente Mela, nota del consigliere Foti

Visite: 189

Cittadini e rappresentanti delle istituzioni sono preoccupati per la mancata messa in sicurezza del torrente Mela, più volte in passato al centro di esondazioni (vedi foto di copertina) con danni ai territori limitrofi. Con l'avvicinarsi della stagione delle piogge si temono nuove esondazioni. Il consigliere di Milazzo Antonio Foti è intervenuto sulla vicenda della messa in sicurezza del torrente Mela dopo l’ennesimo appello lanciato sugli organi di stampa dalla comunità di Bastione e dopo il recente intervento del prefetto.

Nel corso degli scorsi mesi – scrive Foti - abbiamo assistito ad una serie di articoli a mezzo stampa, di alcune forze politiche, che hanno sfiorato il ridicolo. A tre anni dall'alluvione assistiamo ancora una volta, ad un continuo rimpallo di responsabilità tra enti che francamente facciamo fatica a comprendere. Somme stanziate nel patto del Sud 5 milioni e 870. Un progetto che risolverebbe una volta e per tutte la grave situazione di rischio idrogeologico del Torrente. Dov'è il Commissario Straordinario Croce ? Convochi quanto prima un tavolo tecnico congiunto tra tutti i soggetti interessati finalizzato a superare ogni tipo di ostacolo burocratico amministrativo, definendo un cronoprogramma che possa una volta e per sempre dare seguito a questa progettualità. Si coinvolgano i Sindaci, di Santa Lucia del Mela, Milazzo e Barcellona e i vari enti interessati (Genio Civile, Protezione Civile, Assessorato Territorio e Ambiente ecc.) In Consiglio Comunale numerosi i solleciti correlati dai relativi atti inviati a tutti gli enti preposti. Ritardi che non sono più ammissibili. Uno smacco che questa città non merita dopo quanto accaduto. Sicuramente non è il tempo della polemica sterile, fine a se stessa, ma neanche dei silenzi assordanti”.

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments