Per errore consumano erba tossica. Cinque persone finiscono in ospedale

Visite: 312

Hanno scambiato la mandracora, erba altamente tossica, per borragine. In cinque sono finiti così in ospedale. Protagoniste della vicenda 5 persone di Mistretta. Fortunatamente le loro condizioni non sono gravi, solo una donna di 81 anni ha dovuto fare ricorso al centro antiveleni del Policlinico di Messina.

A quanto pare le 5 persone avrebbero fatto la sera precedente una cena a base di verdura. Tra quelle che sembravano essere solo foglie di borragine, la pianta dalle proprietà curative che si evidenziano non tanto nel consumo alimentare quanto nell’utilizzo di tisane, in realtà celava probabilmente anche qualche foglia di mandragora, una pianta appartenente alla famiglia delle Solanaceae, molto simile alla borraggine. La mandragora (o mandragola) è una pianta velenosa che si può confondere facilmente con la borragine, erba comunemente usata in cucina.

Tre dei cinque soggetti, subito dopo aver mangiato la prelibata verdura, sono stati colti da problemi intestinali con nausea e vomito, secchezza delle fauci e difficoltà a urinare. Ci hanno messo poco ai sanitari in servizio presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Mistretta, dopo l’anamnesi, ad intuire che quelli che i signori descrivevano cena a base di borragine, in realtà conteneva tracce di velenosa mandragora. I pazienti, due ricoverati presso il nosocomio amastratino, una al policlinico di Messina, stanno decisamente meglio, ma rimangono sotto osservazione. Gli altri due sono stati dimessi.

Non è il primo caso di questo tipo che si verifica a Mistretta. Già quanche anni fa ben sette persone finirono in ospedale per sintomi di avvelenamento sempre per aver scambiato la borragine con la mandragora.  La somiglianza tra queste due piante è molto forte per questo motivo si consiglia di fare attenzione prima di raccoglierle.  Entrambe le hanno fiori azzurri e grosse foglie di aspetto rugoso ma la mandragora forma solo una rosetta di foglie basale e i suoi fiori partono direttamente da terra e non da un fusto come nella borragine. Inoltre le foglie della mandragora sono quasi senza peli, mentre quelle della borragine sono fortemente pelose. Infine la mandragora fiorisce in autunno mentre la borragine in primavera con fiori a stella. Le piante spontanee commestibili vanno individuate con particolare attenzione e, se necessario, con l’aiuto di qualche persona esperta.La mandragora (o mandragola) è una pianta velenosa che si può confondere con la borragine – un'erba comunemente usata in cucina.

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments