Raffineria, a giudizio il direttore e due predecessori

Visite: 255

L'udienza preliminare con al centro la raffineria di Milazzo e alcuni vertici dell'impianto si è concluso con il rinvio a giudizio per due ex direttori e l’attuale direttore all'udienza del 3 aprile 2019.

Il gup Salvatore Pugliese del tribunale di Barcellona PG, ha disposto, ieri pomeriggio, il processo per Marco Antonio Saetti, direttore generale della raffineria dal 2009, per Gaetano De Santis, direttore della raffineria dal 2012 al 2014, per Pietro Maugeri, attuale direttore, e per la stessa Raffineria nel mirino per l’illecito amministrativo.

Una data storica per Milazzo che per la prima volta vede la celebrazione di un processo penale di questo genere dopo svariati decenni. Gia nella mattinata sono state vagliate ed ammesse le circa duecento costituzioni di parte civile di cui la metà rappresentate e difese dallo Studio degli avv.ti Giardina e Rotelli che ha discusso e replicato puntualmente alle richieste di non luogo a procedere effettuate dalla procura e dalla difesa degli imputati. Una grande battaglia processuale che ha visto uno scontro accesso tra la procura che insisteva per il non luogo a procedere nonostante, la stessa procura barcellonese, nel luglio scorso, avesse chiesto il rinvio a giudizio per "gettito pericoloso di cose" e disastro colposo, in relazione alle emissioni di gas, vapori e di fumo dal 2009 in poi.

Richiesta di “non luogo a procedere” è stata formulata anche dai difensori degli imputati. Ma alle suddette richieste hanno replicato meticolosamente i difensori delle parti civili, in particolare lo studio Giardina & Rotelli, tra i piu affermati a livello nazionale in tema di diritto ambientale e tra gli attori principali che hanno dato inizio a questa battaglia e che continuano a denunciare puntualmente le anomalie che si verificano. Gli stessi legali sono infatti presenti in diversi territori in cui sussistono problemi analoghi come nel Siracusa, in particolare area Priolo - Melilli, in cui su avvalgono anche del referente locale e collaboratore di studio dott. Denis Basili, ed anche oltre i confini regionali. Il Giudice, con provvedimento emesso alle 18:30 circa ha dato ragione agli avvocati Giardina, Rotelli e tutti gli altri intervenuti in rappresentanza delle parti civili. Per la prima volta nella storia di Milazzo è stato disposto così il rinvio a giudizio nei confronti di alcuni dei vertici della Raffineria. “Nn possiamo che ritenerci soddisfatti – hanno dichiarato gli avvocati Antonio Giardina e Paolo Rotelli - del provvedimento del Giudice che ha accolto le nostre richieste dopo circa 8 ore di processo. Adesso si è aperta un'altra ed ultima finestra a tutti quei cittadini che vogliono costituirsi parte civile avendo quale ultimo termine la data del 3 aprile 2019. È stata un'autentica battaglia legale che ci ha visto scontrare con la procura oltre che ovviamente coi legali degli imputati ed il.risultato raggiunto ci inorgoglisce. Siamo gia carichi – concludono i legali - per l'udienza dibattimentale, nel frattempo abbiamo un altro appuntamento altrettanto importante sempre nei confronti della raffineria il cui.processo si terrà il primo febbraio ed auspichiamo un risultato analogo”.

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments