Rimesso in libertà lo squalo rinvenuto ieri nelle acque del mare di Capo d'orlando

Uno squalo è stato rinvenuto ieri nelle acque del mare di Capo d'Orlando, nel messinese. Ad individuarlo durante una normale battuta di pesca domenicale Antonio Franchina e Mario Micale. I due pescatori amatoriali come hanno notato lo squalo, di circa 3 metri di lunghezza, in acqua e dopo un momento di stupore hanno deciso di esaminarlo meglio. Così con un arpione sono riusciti ad agganciare l'esemplare, probabilmente del tipo "squalo manzo". Si tratta di uno squalo della famiglia Hexanchidae, ed è l'unico membro del genere Heptranchias. Non è molto comune, ma il suo areale è ampio attraverso le zone tropicali e temperate di tutti gli oceani. Qualche esemplare è anche presente nelle acque del Mediterraneo. L’esemplare caratterizzato dalla presenza di 6 o 7 fessure branchiali su ogni lato del capo è ritenuto non pericoloso per l’uomo. Lo squalo manzo si alimenta infatti di piccoli pesci, granchi, gamberi, aragoste e seppie.
Per questo motivo i due pescatori dopo averlo arpionato, vista la non pericolosità per l'uomo, hanno deciso di rimettere in libertà lo squalo ributtandolo in acqua.

Visite: 5535

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments