26 anni fa l'omicidio di Libero Grassi: Io non sono pazzo: non mi piace pagare. È una rinunzia alla mia dignità di imprenditore.»"

Oggi ricorre il 26esimo anniversario dell'omicidio di Libero Grassi, imprenditore palermitano, ucciso da Cosa Nostra dopo essersi opposto a una richiesta di pizzo e divenuto simbolo della lotta alla criminalità. In via Vittorio Alfieri a Palermo si è svolta la cerimonia di commemorazione. Nel luogo dell'eccidio c'erano i figli dell'imprenditore Alice e Davide, il nipote Alfredo, il presidente del Senato Piero Grasso, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il prefetto di Palermo Antonella De Miro.

"E' importante continuare a ricordare Libero Grassi per quello che ha rappresentato, non solo per essersi ribellato al pizzo ma, soprattutto, per avere fatto una campagna contro chi pagava il pizzo - commenta il presidente del Senato Pietro Grasso -. Questa è stata la cosa che più ha infastidito Cosa nostra, perché Grassi stava facendo tanti seguaci nella sua denuncia. Ecco il motivo per il quale lo dobbiamo ricordare sempre di più e considerarlo un esempio da imitare".

pizzo

Visite: 286

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments