Carabinieri interrompono un droga party. Un arresto e tre minori segnalati

E’ di un arrestato per spaccio di stupefacenti a minorenni e di tre segnalati alla Prefettura di Messina, il bilancio di un intervento condotto dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile nel rione di Camaro San Paolo. Erano da poco passate le 2.00 del mattino, quando alla Centrale Operativa del Comando Provinciale di Messina veniva segnalata, in un appartamento di quel rione, la presenza di più ragazzi in atteggiamento sospetto.
Sul posto giungevano diverse Gazzelle, i cui equipaggi riuscivano ad entrare nell’abitazione solo dopo aver bussato ripetutamente alla porta, dato che dall’interno non giungeva alcuna risposta.
Ai militari si presentava il proprietario, un 25enne messinese incensurato, che era in compagnia di tre minori, due 15enni e un 17enne, tutti di Messina.
Subito i militari notavano come sul tavolo del salone vi fosse un piatto di ceramica di colore nero con all’interno della polvere bianca posizionata a forma di striscia, una tessera sanitaria e una banconota da euro cinque arrotolata.
Su un altro tavolino i Carabinieri rinvenivano poi un contenitore blu con all’interno vari ciuffetti di marijuana (poco meno di un grammo), all’interno di un cassetto del salone veniva trovato un bilancino di precisione e un trita erba con all’interno residui di sostanza narcotica, mentre all’interno di un posacenere venivano rinvenuti 6 mozziconi di c.d. “spinelli” confezionati artigianalmente e quasi totalmente combusti.
Di fronte all’evidenza, il 25enne ammetteva immediatamente che la polvere bianca era cocaina, poi risultata essere poco meno di un grammo, riferendo di averne fatto uso unitamente ai tre amici presenti.
Secondo gli investigatori il maggiorenne aveva invitato i tre minori in abitazione per una serata, durante la quale gli aveva offerto cocaina e spinelli: dunque un droga party a tutti gli effetti a cui i militari hanno posto fine. Per il 25enne è così scattato l’arresto per spaccio di stupefacente a minori e, dunque, aggravato. Posto agli arresti domiciliari, nella mattinata odierna il ragazzo è comparso innanzi al GIP del Tribunale di Messina, che, oltre a convalidare l’arresto operato dai Carabinieri, ha disposto ancora nei suoi confronti gli arresti domiciliari.

Visite: 1621

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments