G7. Trump non si fida. Secondo controllo all’ospedale S. Vincenzo

Secondo sopralluogo nell'ospedale San Vincenzo di Taormina da parte del servizio di sicurezza e medico del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Dopo avere dato il primo parere positivo, sono tornati per accertare se la struttura di contrada Sirina sia in grado di fare fronte a pazienti che possono avere subito traumi violenti. 
L’ospedale S. Vincenzo d Taormina, da questa mattina al 28 maggio, nei giorni del G7, tratterà solo le emergenze. Non saranno accolti i ricoveri ordinari. Lo ha reso noto il direttore dell’Asp, Gaetano Sirna, il quale ha specificato che non saranno accolti soltanto gli interventi programmabili. Sarà rivista l’organizzazione del nosocomio con una adeguata programmazione, senza trasferire altrove i pazienti. 

Intanto, è stato sospeso il godimento delle ferie per tutto il personale dell’ospedale, in vista del G7 di maggio. L’ha disposto con propria nota il direttore generale dell’Asp di Messina dal momento che il presidio identificato in zona rossa, sarà impegnato nell’attività assistenziale straordinaria.

Sarà chiuso anche il cimitero, a Taormina, in occasione del G7. Il provvedimento è stato firmato dal sindaco, Eligio Giardina. Il primo cittadino ha firmato altre tre ordinanze. Il camposanto di via Porta Pasquale sarà inaccessibile dalle ore 14 del 25 maggio e sino a tutto il 28. Dal 22 maggio è chiusa la funivia, anche in questo caso sino al 28. L’impianto è considerato un obiettivo sensibile. Nello stesso arco di tempo sarà chiuso anche il parcheggio Porta Pasquale. Il 25 e 26 maggio non sarà possibile nemmeno conferire l’immondizia, di qualunque tipo. Si potrà conferire nuovamente a partire dalle ore 21 del 27. 

Il Prefetto di Messina ha disposto il divieto assoluto di accesso all’area di parcheggio denominata “Crupi”, a decorrere dalle dalla mezzanotte e un minuto del 25 maggio e fino alle 24 del 28. L’area di parcheggio, ricade all’interno dell’Area ad accesso riservato (Aar), istituita con ordinanza prefettizia il 20 marzo scorso. Il provvedimento,è stato condiviso con i rappresentanti delle forze dell’ordine, e si è reso necessario per soddisfare ulteriori esigenze di sicurezza connesse al meeting internazionale.

Visite: 1935