Inquinamento ambientale. Scarti oleari nel torrente. Segnalati tre frantoi

I continui sversamenti di scarti oleari nel torrente Mollerino a Terme Vigliatore, hanno comportanto un elevato inquinamento del mare, danni ai terreni e odori nauseabondi.  La situazione non è più tollerabile -affermano i residenti. Mercoledì e giovedì scorso una lunga scia nera – scarti oleari e reflui – è riapparsa nel canale, facendo andare su tutte le furie i residenti vicini alla saia, stanchi di sopportare odori nauseabondi. Ieri si sono recati al comune ed il sindaco Cipriano, constatando poi quanto è accaduto, ha presentato l’ennesima denuncia alla Stazione dei carabinieri. Sulla stessa linea si è attivata Legambiente del Longano ed il sindaco di Rodì Milici, Eugenio Aliberti, che con ordinanza, ha disposto il divieto di scaricare nelle reti fognarie e nei recapiti finali dei depuratori acque di vegetazione e sanse umide. Un divieto rivolto a proprietari e gestori di frantoi a ciclo tradizionale o a ciclo continuo localizzati nel territorio del comune collinare, notificato a tre oleifici della zona.

Visite: 285

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments