TUTTO IN - Poggioreale (TP): Il fascino del vecchio paese terremotato

Visite: 778

Mercoledì 01 e Giovedì 02 Luglio 2020 ore 20:50
Repliche il giorno successivo alle ore 10:45 e 14:45 e la domenica alle ore 22:45.

Quella notte tra il 14 e 15 gennaio del 1968, il terremoto del Belice tentò di distruggere tutto e tutti ma la sua violenza non è riuscita a cancellare l’identità di un popolo radicato alle sue origini. Ci tentarono poi la classe politica, la speculazione, gli affaristi ad azzerare la dignità di persone che hanno dato alla loro terra sacrifici ed amore infinito. Ci tentarono solamente… perché né prima con le tendopoli e le baraccopoli, né dopo con la ricostruzione di “moderne” cittadine, sono riusciti a cancellare quella identità che è rimasta tale e quale quella di sempre.
Parliamo di Poggioreale, uno dei paesi del Belice distrutto dal terremoto. Qui, per una serie di provvedimenti messi in piedi dal primo cittadino di allora, le vittime furono solo tre, ma il paese dovette essere abbandonato per i gravi danni che palazzi, case e strutture pubbliche patirono. I Poggiorealesi, dopo una peregrinazione infinita tra tendopoli e baraccopoli, ebbero finalmente le loro case, la loro città, la nuova Poggioreale, distante da quella ormai diventata “fantasma” un paio di chilometri ed ubicata più a valle. Una Poggioreale nuova che, purtroppo, non conserva nulla della identità di un popolo che per centinaia di anni aveva fatto del proprio paese il centro del Belice e non solo contadino, ma culturale e sociale.
Doveva essere una nuova Poggioreale costruita a misura dei Poggiorealesi, invece fu eretta una cittadina a misura di cemento e di una modernità anacronistica per una popolazione abituata alla bellezza rurale ed al classico. I Poggiorealesi non l’hanno mai sentita propria, si sentono estranei in casa loro. Che brutta sensazione quando ce lo hanno raccontato! Così si sono messi al lavoro e, dopo quarantacinque anni dal terremoto, riuniti in una associazione culturale “Poggioreale Antica”, si son messi in testa di recuperare quella memoria che rischia di scomparire sotto il peso degli anni.
Poggioreale (non la chiameremo più Poggioreale Antica), ritorna così a rivivere sotto gli sforzi di questa gente che ogni giorno, con vanghe e rastrelli, ridà linfa a quei ruderi sempre più decadenti. Ora, con gli appelli lanciati dal sodalizio poggiorealese, tutta l’Italia si è accorta della bellezza della “città fantasma” e, così, quel sito che rischiava di scomparire per sempre può diventare il volano verso la rinascita culturale, turistica ed economica di Poggioreale.
La Sicilia del terzo millennio parte da qui e noi di “Tutto In” siamo andati a Poggioreale per vivere questa bella realtà e vi racconteremo questo ed altro in due puntate del nostro programma
.