TUTTO IN - Amsterdam (NL): Gli Italiani tra tulipani e mulini a vento

Visite: 55

Mercoledì 07 e Giovedì 08 Aprile 2021 ore 21:15
Repliche il giorno successivo alle ore 10:45 e 14:45 e la domenica alle ore 22:45.

Il nostro viaggio in terra olandese non poteva non cominciare dal simbolo dei Paesi Bassi: i mulini. E così da Amsterdam, dove era la nostra base operativa, abbiamo raggiunto in pochi minuti Zaanse Schans, dove oltre ai mulini abbiamo potuto ammirare da vicino quei famosi ponti levatoi che permettono agli Olandesi di convivere con il mare, i suoi canali ed i tanti fiumi che hanno dato l’appellativo di Venezia del Nord ad Amsterdam.
Ponti levatoi, che si alzano velocissimi quando il sensore ubicato nel canale segnala l’arrivo di barconi o navigli. Contemporaneamente si accende il semaforo rosso sulla strada e si abbassano le sbarre per vietare il transito.
I mulini! Sembrava di vivere una favola immersi tra le casette in legno di questo villaggio che tutt’ora ospita i suoi abitanti. Un centinaio circa che convivono con le migliaia di turisti che ogni giorno pullulano la zona. Questi abitanti hanno un privilegio unico, che potrebbe però essere un limite alla loro libertà di economia. Non possono vendere la loro casa se non agli abitanti dello stesso villaggio. Così da centinaia di anni i proprietari di queste case sono stati sempre gli stessi abitanti. I mulini che abbiamo visitato sono ancora funzionanti e molto di essi servono a drenare il terreno e così mantenere quella impermeabilità che ha permesso agli Olandesi di costruire dighe e “rubare” terra al mare. Si calcola che almeno il 60 % del territorio olandese sia stato sottratto al Mare del Nord. La stessa piazza Dam, cuore di Amsterdam, è stata realizzata dopo che la costruzione di una diga (in olandese diga è “dam”) ha permesso di prosciugare tutta la zona.
Abbiamo incontrato, come al solito, tanti Italiani e Siciliani che hanno scelto Amsterdam per lavorare e viverci, come la siciliana Serena di Sinagra in provincia di Messina, che ha lasciato la sua isola per diventare una esperta di flora e soprattutto dei fiori olandesi, tulipani in prima fila. Ma abbiamo incontrato anche Francesca di Italianradio che ha aiutato Onda Tv nella missione in terra olandese e con lei anche il prof. Vincenzo Lo Cascio, docente palermitano con cattedra all’Università di Amsterdam dove risiede da 55 anni.
Nelle due puntate di “Tutto In” vi sarà raccontata la storia di questi Italiani e non solo, perché la trasmissione vi porterà tra i canali e le viuzze di Amsterdam alla scoperta degli aspetti più reconditi della città, definita non a torto, la più intrigante dell’Europa.