TUTTO IN - Messina: Nasce il borgo di Torre Faro

Visite: 148

Mercoledì 24 e Giovedì 25 Novembre 2021 ore 21:15
Repliche il giorno successivo alle ore 10:45 e 14:45 e la domenica alle ore 22:45.

Torre Faro e Ganzirri, in pratica Capo Peloro, sono le due località di Messina che dovrebbero entrare a far parte del Registro Regionale dei Borghi Marinari. Una richiesta già avanzata dal comune di Messina e che attende risposta da Palermo. Noi di “Tutto In” che da tempo puntiamo i riflettori sui borghi d’Italia e del Mediterraneo ne abbiamo voluto sapere di più e così telecamere in spalla ci siano recati a Messina, nel punto in cui la distanza è veramente la più corta per raggiungere il continente. Non per niente qui si vorrebbe costruire il famoso ponte di Messina ma non vogliamo occuparci di questa tematica bensì della bellezza, quella del futuro di questo prossimo borgo marinaro di Capo Peloro. Abbiamo intervistato alcuni degli artefici di questa iniziativa ma anche alcuni “faroti” che ci hanno descritto le bellezze del posto, quelle per le quali queste località hanno tutto il diritto di far parte del Registro dei borghi marinari di Sicilia. C’è chi ci ha parlato anche della molluschicoltura perché le cozze dei laghi di Torre Faro e Ganzirri sono le prelibatezze che non mancano mai sulla tavola dei siciliani. Con la signora Sara Arena siamo andati sul lago e ci ha fatto vedere l’allevamento delle cozze e vongole per poi assistere alla loro lavorazione sui banchi per confezionarli e spedirli nei supermercati. Ma la visita a Capo Peloro ci ha portato anche nei laboratori artistici di Maria Grazia La Torre dove la ceramica prende forma e poi ancora in quello del maestro d’ascia, Mimmo Staiti, forse l’ultimo che realizza le feluche, le imbarcazioni dello Stretto che pescano il pescespada. A Ganzirri non poteva mancare l’appuntamento con una delle due sorelle che con le loro barche pescano con le reti il prelibato pesce azzurro. E così Antonella Donato l’abbiamo incontrata in riva al mare, davanti alla sua barca e le immagini di quella spiaggia dello Stretto di Messina sono veramente mozzafiato. Naturalmente non potevano mancare i giovani e così eccoli ai nostri microfoni e sono quelli che hanno avuto fiducia in questa terra ed hanno investito le loro risorse. Dal ristoratore Giovanni Ursino con il suo ristorante Officina del Gusto a Giusy Guglielmo con il suo B&B. Due puntate che con le immagini che offrono faranno, ne siamo sicuri, da apripista per una giornata diversa, all’insegna della biodiversità a Capo Peloro a Messina.