Denunciati due giovani centauri che facevano motocross

Visite: 231

Il Coronavirus non ferma alcuni cittadini che continuano ad uscire di casa noncuranti dei divieti in vigore. A Messina, due centauri sono stati denunciati perché stavano facendo motocross. Dopo la comunicazione da parte del commissario Giardino, a capo della squadra di agenti della Polizia municipale della città dello Stretto, non tarda ad arrivare il commento del sindaco De Luca: "La gente sta morendo e noi siamo costretti a inseguire i balordi!".

Il primo cittadino di Messina parla di un nuovo episodio di accertata "imbecillità" e informa: "Abbiamo finito di completare gli atti relativi al sequestro di due Pit Bike (moto da cross), ieri pomeriggio abbiamo beccato due giovani di 22 anni che facevano moto cross sulla collinetta sopra Valle degli Angeli intorno all'Eremo di S. Maria degli Angeli. I due sono stati denunciati in base all'articolo 650 e al 648 del Codice penale". Foto di repertorio