“SiciliaSiCura", interpellanza PD all'Ars: a cosa serve davvero questa app, e quanto è costata? Interpellanza all'Ars

Visite: 391

Dal 5 giugno è attiva in Sicilia l'App Sicilia Sicura per chi arriva sull'Isola. In maniera facoltativa permette a chi arriva di poter essere assistito dal personale medico dell'Unità sanitaria turistica in caso di bisogno. A un mese dall'introduzione della nuova Ap arriva un'interpellanza all'Ars: a cosa serve davvero questa app, e quanto è costata? "Qual è la reale funzione dell'app SiciliaSiCura? A chi è stato affidato l'incarico di progettazione ed implementazione operativa, e quale è stato il costo sostenuto?". Lo chiede il capogruppo PD Giuseppe Lupo che insieme con gli altri deputati del gruppo ha presentato una interpellanza all'Ars.

"Chiunque entri in Sicilia e non è residente o domiciliato nell'isola - si legge nell'interrogatozione - è tenuto a scaricare questa app che presenta numerosi problemi di funzionamento, basta vedere la mole di recensioni negative degli utenti pubblicate sulla piattaforma per rendersene conto. Oltretutto non è chiaro quale sia la reale funzione dell'app SiciliaSiCura: infatti, se l'obiettivo fosse stato il tracciamento degli eventuali positivi al Covid19 sarebbe bastato 'imporre' ai turisti di scaricare l'app 'Immuni' raccomandata dal Ministero della Salute rafforzandone in tal modo la diffusione. Se invece l'obiettivo è il monitoraggio degli ingressi nella Regione sarebbe bastato mantenere lobbligo di registrazione al sito, senza onerare ulteriormente il turista di una procedura che si è rivelata in molti casi complessa e farraginosa".

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments