Inaugurati gli hub vaccinali di S. Agata Li Battiti e Acireale

Visite: 231

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha inaugurato due nuovi hub vaccinali in provincia di Catania, al Palasport di Sant’Agata Li Battiati, e al PalaTupparello di Acireale. Le strutture sono state allestite dal Dipartimento regionale di Protezione civile su richiesta del Commissario per l’emergenza Covid-19 Giuseppe Liberti. 

Al PalaTupparello di Acireale sono 50 i box vaccinali, di cui 12 dedicati alle operazioni di anamnesi e 20 per le inoculazioni, in cui operano 24 medici e 40 infermieri divisi in due turni, 30 operatori informatici per le procedure di accettazione e per quelle di appuntamenti in uscita, e altro personale di supporto fra assistenti, educatori, psicologi e addetti alla logistica. La struttura ha una potenzialità di mille somministrazioni al giorno.

«Dal 18 maggio nella provincia di Catania, grazie anche ai Punti vaccinali territoriali, avremo la possibilità di vaccinare, complessivamente, 11000 mila persone al giorno – dice il commissario "ad acta" presso l'Asp di Catania nell'ambito dell' emergenza Covid-19, Giuseppe Liberti -  L’apertura dei nuovi hub, fra cui Acireale, tra i più grandi in Sicilia, e a breve quello di Caltagirone, già pronto, insieme alla possibilità di vaccinare a partire dai 16 anni in su, darà sicuramente un ulteriore impulso alla campagna vaccinale».

L'hub di Sant'Agata Li Battiati ospita invece 45 postazioni con 16 medici distribuiti su due turni, 12 operatori informatici in entrata e 8 in uscita e personale di supporto. La potenzialità è di 700 somministrazioni al giorno.

Ai due hub, che saranno operativi da martedì 18, si aggiungerà quello al Pala Caltagirone “Don Pino Puglisi” di Caltagirone, con altre 50 postazioni.
In settimana aprirà anche il primo hub vaccinale all'interno di un centro commerciale, presso il Centro La Torre di Palermo.