Falsi invalidi e truffa all'INPS. Due arresti e decine di indagati

Visite: 347

La Guardia di Finanza ha scoperto un'organizzazione che operava nel Palermitano e si occupava, in cambio di denaro, della trafila per permettere a dei falsi invalidi di ottenere illecitamente indennità previdenziali o assistenziali.

C'erano soggetti che si dichiaravano ciechi, ma erano in grado di leggere le lettere trovate nella cassetta delle poste, e altri incapaci di camminare da soli e che guidavano l'auto o con l'indennità d'accompagnamento che si esibivano in balli di gruppo.

Decine di persone sono indagate e due sono state arrestate. Questi ultimi sono un 57enne di Terrasini (PA), in pensione dal 1991, ed un 49enne di Camporeale (PA), titolare di due Caf, uno a Palermo e uno a Terrasini.

A scoprire la truffa all'Inps sono stati gli uomini del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo, al termine di un'inchiesta coordinata dalla procura che ha portato il Gip ad emettere due ordinanze di custodia cautelare con le accuse di concorso in truffa ai danni dello Stato, truffa aggravata per il conseguimento di contributi pubblici, falsità ideologica e traffico di influenze illecite.

La denuncia, invece, è scattata per soggetti tra dipendenti pubblici, medici generici e specialisti, componenti delle commissione mediche Asl e responsabili dei Caf.

Quando tutto l'iter della truffa era concluso e il falso invalido aveva ottenuto i benefici previsti dalla legge, l'organizzazione incassava la sua parte di denaro, generalmente un anno di indennità, pari agli arretrati erogati dall'Inps.

Il gip ha anche disposto il sequestro di 100mila euro.

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments