Eliambulanza ritarda atterraggio a causa della cenere vulcanica. Barbagallo: “La mancata pulizia dell’elipista mette a repentaglio la salute dei cittadini”

Visite: 303

Poteva avere conseguenze tragiche l'episodio verificatosi lo scorso lunedì sera che ha visto protagonista a Giarre (CT) un'eliambulanza giunta all'interno dello stadio di atletica di via Callipoli per soccorrere un uomo colto da malore. Le condizioni dell'elipista, ricoperta da cenere vulcanica, hanno ritardato a lungo l'atterraggio del velivolo costretto, dopo quasi mezz'ora di sorvolo, a raggiungere il suolo in un campo.

"Sono basito, ancora una volta, dalla totale assenza di chi governa questa città - dichiara il commissario cittadino della Lega, Giovanni Barbagallo - L'amministrazione comunale si assume la grave responsabilità di non ripulire dalla sabbia vulcanica l'elisuperficie, area ad alta priorità, mettendo a rischio l'incolumità non solo del paziente ma anche dei soccorritori. Dopo lunghissimi minuti d'attesa, che spesso diventano cruciali per salvare una vita, l'eliambulanza è atterrata in mezzo ad un campo pieno di erba e sterpaglie. È vergognoso".

L'elisuperficie, inoltre, nonostante le numerose segnalazioni, da mesi è utilizzata come area di allenamento da sportivi inconsapevoli dei rischi che ciò comporta.

"Non si può utilizzare un'area di emergenza in maniera tanto arbitraria ed in spregio alle regole di civile convivenza - prosegue Barbagallo - Anche questo è il risultato della mancata vigilanza da parte dell'amministrazione comunale di un'area d'importanza primaria per la salute di tutti noi".

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments