Sequestrati 41.000 capi d'abbigliamento, denunciati per contrabbando due importatori

Visite: 194

Ben 41.000 capi d'abbigliamento sono stati sequestrati nel porto di Palermo in un semirimorchio proveniente da Tunisi. La merce era destinata a due importatori, uno di Palermo e l'altro nel novarese. I capi sarebbero entrati nel mercato italiano senza il pagamento dei previsti diritti doganali, pari a circa 30 mila euro. Qualora immessi in commercio avrebbero fruttato complessivamente alle società importatrici circa 400.000 euro.

Oltre al sequestro sono stati denunciati i rappresentanti legali delle società importatrici con l'accusa di contrabbando, aggravato dalla falsità delle indicazioni preliminarmente apposte dagli stessi sui previsti documenti doganali.

L’operazione è stata condotta congiuntamente dai finanzieri del primo Nucleo operativo metropolitano e dai funzionari dell’Ufficio delle dogane, nell’ambito delle operazioni di controllo assicurate al porto sulle merci in importazione nel territorio italiano. Già le prime operazioni di controllo dei documenti del carico hanno generato sospetti sull’effettiva qualità e quantità merceologica dei prodotti. Da qui la decisione di passare al controllo doganale. Foto di repertorio 

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments