TUTTO IN - Messina Gay Pride 2019 e Americani a scuola di cinema a Cefalù

Domenica 14 Luglio 2019 ore 22:45

Messina: Gay Pride 2019
Messina ha ospitato il primo Pride dello Stretto. Un evento preparato da mesi e che ha visto impegnata la società civile sui temi dei diritti civili a partire dall’affermazione dei diritti della comunità LGBT+. Per la prima volta il Pride si è svolto a Messina.
In tanti hanno voluto rivendicare l’orgoglio del proprio orientamento e identità sessuale contro ogni discriminazione e alienazione dei diritti. Il pride per gli organizzatori ha rappresentato anche un'opportunità per accendere un faro su tutti gli altri diritti negati, indipendentemente dal genere, colore, etnia, status sociale, culturale ed economico.
Lo Stretto Pride ha preso il via da Piazza Antonello con conclusione a Piazza Unione Europea.
La parata arcobaleno Stretto Pride Messina 2019 ha avuto come madrina Ottavia Voza, architetto e professoressa dell’Università di Salerno, trans da anni in prima linea per la lotta alle discriminazioni nei confronti della comunità LGBT+ e membro della segreteria nazionale Arcigay con delega ai diritti delle persone trans.
Noi di “Tutto In” abbiamo seguito l’evento con le telecamere e durante il percorso del corteo, che ha avuto inizio in piazza Antonello e conclusione in piazza Municipio, abbiamo intervistato tanti protagonisti del Pride, compreso l’ex sindaco Renato Accorinti.
A fare compagnia a Franco Perdichizzi, conduttore di “Tutto In”, c’era la collega Elisa Greco.

Cefalù (PA): Americani a scuola di cinema
Un gruppo di studenti provenienti dalla università dello UTAH, stato americano occidentale, ha scelto Cefalù per realizzare alcuni lavori cinematografici. Gli studenti erano guidati dalla professoressa Giuliana Cosentino Marple, dinamica e competente docente di origini italiane addirittura cefaludesi. Il corso ha previsto alla fine la realizzazione di un cortometraggio, a cura di ogni studente, su una storia scritta dagli stessi allievi. Tutti i cortometraggi sono stati proiettati nella sala del cinema di Francesca di Cefalù in una serata aperta anche al pubblico. Il cinema del corso principale di Cefalù è un locale storico basti pensare che la prima licenza l’ottenne niente di meno che dai fratelli Lumiere.
Il programma degli studenti si è svolto in circa cinque settimane nelle quali hanno frequentato lezioni inerenti il loro percorso di studio dell’Università. Tutti, compresi i docenti, hanno alloggiato in appartamenti vivendo così in maniera indipendente la città prescelta e cioè Cefalù.
Le lezioni sono state tenute da due docenti, Sonia e Miriam Albert Soriano, sorelle gemelle, ed hanno avuto come argomento le tecniche di montaggio, con l’utilizzo del software adobe premiere, regia, sceneggiatura, riprese audio, trucco, e tutto quanto necessario per la realizzazione di un cortometraggio.
Noi di “Tutto In” li abbiamo seguiti nella giornata forse più importante della loro missione a Cefalù e cioè quella della proiezione dei loro short film.