Cittadinanza onoraria all''antropologo siciliano, Dario Piombino-Mascali

Visite: 502

La città di Santa Lucia del Mela, conferirà all'antropologo siciliano, Dario Piombino-Mascali, conservatore delle Catacombe dei Cappuccini di Palermo e direttore del progetto "Mummie siciliane", la cittadinanza onoraria al giovane che ha ricomposto il corpo incorrotto del beato Antonio Franco. Un importante riconoscimento ad una vera e propria eccellenza nel campo. Di rilievo il percorso professionale dell’antropologo che ha conseguito la Laurea in Antropologia con lode e il Dottorato di ricerca in Paleoantropologia e Patocenosi presso il Dipartimento di Scienze Archeologiche dell’Università di Pisa, ed è stato allievo della Scuola di Archeologia e Storia Antica dell’Università di Leicester nell’ambito del progetto di scambio accademico Erasmus-Socrates.

Cultore della materia per il settore disciplinare BIO/08 – Antropologia, si è occupato della paleopatologia dei gruppi umani dell’Italia meridionale, con particolare riferimento allo studio degli indicatori di stress psicofisico. Tra il 2008 e il 2012 è stato primo ricercatore presso l’Accademia Europea di Bolzano, partecipando al gruppo di ricerca che si occupa dello studio e della conservazione della mummia del Similaun, mentre nel 2013 si è unito al gruppo di bioarcheologia del Dipartimento di Anatomia, Istologia e Antropologia della Facoltà di Medicina, Università di Vilnius.

Ricopre anche i ruoli di conservatore scientifico delle celebri Catacombe dei Cappuccini di Palermo, di ispettore onorario dei beni culturali della Regione Sicilia, e di docente a contratto presso l’Università di Messina. Nel corso degli anni, Piombino-Mascali si è concentrato sullo studio scientifico dei resti umani attraverso metodi d’indagine non invasivi, ed ha indagato le mummie naturali e artificiali della Sicilia, le mummie naturali di Ferentillo, le mummie egizie conservate in varie istituzioni europee come i Musei Vaticani, i residui organici del processo d’imbalsamazione di alcuni membri della Dinastia Medicea di Firenze, i preparati anatomici di Paolo Gorini, Giovan Battista Rini e Giuseppe Paravicini, nonché i corpi delle torbiere olandesi e le cosiddette mummie di fuoco delle Filippine.

Dario Piombino-Mascali è un discendente indiretto dello scultore novarese Luigi Prestipino (1905-1961), insigne mosaicista dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, e restauratore dei principali monumenti arabo-normanni di Sicilia.

Leave your comments

Post comment as a guest

0
terms and condition.

Comments